Verbale della riunione CARP del 31 ottobre 2015

Verbale della riunione carp del 31/10/2015

Ordine del giorno:

  • Situazione attuale di Biella e Vercelli alla luce degli ultimi eventi
  • Nuove figure ambientaliste sul territorio piemontese, che invitiamo al nostro tavolo per future collaborazioni
  • Bella manifestazione a Chivasso di sabato 24 ottobre, motivazioni e presupposti
  • Situazione del progetto unghie su Torino e Borgofranco
  • Problematiche del sito CARP                     
  • Varie ed eventuali.

 

Vista l’incertezza che ha circondato questa convocazione e una situazione di tensione del periodo a causa del progetto di WAST END di Chivasso, la riunione in via del tutto eccezionale è stata moderata dal coordinatore del sito.

Al primo punto sono state precisate le regole e i principi con cui il CARP è nato e si è evoluto, riassunti nella scheda: cosa è il CARP.

Viene precisato che il Carp non appoggia il progetto waste end 2 ne i precedenti, che comunque Claudio Cavallari lo ha seguito come Pro Natura mentre Gian Drogo come Waste End Italy come da lettera di convocazione della consulta di Chivasso. La stessa consulta  che ha cercato di far digerire un progetto assurdo alla cittadinanza già molto provata dalle discariche e siti inquinanti.

Una cava non per forza deve diventare una discarica, un esempio il progetto eden project.

Una situazione che ormai si ripete come a Chivasso, in val di Susa e ora a Novara è la richiesta di una discarica per appoggiare una fabbrica di materiali, che dovrebbe far recupero di materia ma in realtà produce carburante per inceneritori o cementifici,  mentre il resto finisce comunque in discarica, un cavallo di troia.  Intervento di Fabio Tomei

Una situazione a Vercelli abbastanza critica dovuta alla presentazione dello studio epidemiologico sull’inceneritore di Vercelli e alla successiva  sospensione del responsabile Arpa di Vercelli , all’archiviazione dell’esposto sulla discarica di servizio dell’inceneritore (testo dell’esposto del 2013)  e alla richiesta di ampliamento della discarica di Cavaglia di proprietà  ASRAB e A2A Ambiente, le associazioni ambientaliste hanno richiesto una commissione di inchiesta pubblica. Intervento di valle dora Anna Andorno. Purtroppo è arrivata la notizia che la richiesta per la commisione di inchiesta è stata rifiutata.

Vorrei sottolineare l’importanza delle ricerche epidemiologiche fatte a Vercelli , perche sono più di una e in più anni diversi, ma solo ora che è chiuso l’inceneritore sono state pubblicate. Suscitando comunque la reazione delle istituzioni che prima sospendono il responsabile dell’Arpa  e poi ’Assessore regionale Saitta attribuisce l’inquinamento ai contadini che bruciano le stoppie.

Possiamo dedurre che le istituzioni del Piemonte come quelle nazionali sono per la distruzione della materia non certo per il recupero e il riuso, e tutte le campagne fatte per la diminuzione del rifiuto hanno una parvenza di truffa.

Il loro primordiale interesse è fare cassa e clientelismo per le future votazioni politiche.

Puntualizzazione dei movimenti di Chivasso per l’intrusione di Claudio Cavallari e Gian Drogo  per boicottare la manifestazione contro waste end 2 . Precisiamo e confermiamo che non hanno agito dall’interno del CARP ma per loro iniziativa personale .

Claudio Cavallari precisa che il discorso è più complesso e occorre una puntata CARP solo per la descrizione del progetto e che quella non era la sede. Ricordo a Claudio che anche due riunioni precedenti ha fatto la stessa puntualizzazione, ma primo: non ho mai ricevuto richieste di assemblee con tale argomento e secondo vedo sempre 1.000.000 metri cubi di discarica, mentre il CARP ne accetta zero.

Ricordiamo cosa era il progetto WASTE END 2 e che la Provincia di Torino ora città metropolitana lo ha nuovamente stoppato alla conferenza dei servizi del 4 novembre.

Questo stop della provincia è al quanto sospetto, visto che in altre situazioni analoghe, tipo la discarica di Vespia sopra Castellamonte, le istituzioni stanno ancora cercando di ottenere un ampliamento mentre l’associazione Monte Pelati resiste . Forse non corre buon sangue tra il PD e il comune di Chivasso o i Colucci di Seta?

Archiviamo i malintesi e procediamo

A fronte delle divergenze nate proprio su questi progetti nasce, si affianca al CARP  e ne condivide i principi la nuova associazione Rifiuti Zero Piemonte che sarà accreditata fra 6 mesi  sia in provincia che in regione. E' stasta presentata da Laura Piana..

Il Progetto sulle analisi unghie procede . E' stato finalmente individuato un laboratorio che esegue  25 analisi di metalli diversi rispetto ai soli 5 del precedente laboratorio, ad un prezzo piu' basso. Hanno già ultimato le analisi del 70% dei campioni (in totale 800 campioni circa) e procedono sempre piu' veloci.  

Unico lato negativo , e che le associazioni non sono cosi veloci a recuperare dei fondi .  Ricordiamo che eventuali fondi per le unghie devono essere versati a Isde Arezzo.

Seguiranno le fasi di statistica e di pubblicazione. La data della pubblicazione , con il quale si potrà dire che lo studio è terminato, è prevista per la fine del 2016 se non ci sono imprevisti e se riusciamo a recuperare tutti i fondi necessari.

Tipo di contenuto descrittivo: