Contenuti riguardanti "Italia"

  1. Marker biologico: i licheni

    Interessanti relazioni presentate da diverse ARPA

    Il convegno della Società Lichenologica Italiana a Montecatini

    Dal 15 al 17 ottobre 2014 si è tenuto a Montecatini Terme, Sala Storica delle Terme Excelsior – viale Verdi 61 il XXVII Convegno della Società Lichenologica Italiana .

    Luoghi: 
  2. Da 8 Paesi del mondo per dire no all’incenerimento dei rifiuti nei cementifici, negli inceneritori e per Rifiuti Zero.

    La Sala Consiliare della città di Barletta, proprio di fianco lo storico Teatro Curci,è piena.

    Luoghi: 
  3. Marker biologici: non le api ma le chiocciole

    Spesso le api vengono portate alla ribalta come marker biologici, ma nessuno studio su di esse è ancora stato fatto, per cui manca un chiaro protocollo.

    E senza un protocollo, un eventuale studio risulterebbe non valido ma anche non attendibile.

    Sulle chiocciole, o lumache che dir si voglia, è invece stata pubblicata addirittura una tesi di laurea, che trovate in allegato.

    Luoghi: 
  4. Decreto sblocca-Italia (DL 133/2014) sblocca-inceneritori!!

    Il decreto sblocca-italia (decreto-legge 133/2014, pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.212 del 12-9-2014) è un regalo alla lobby degli inceneritori. Vediamo cosa prescrive caro Renzi in proposito:

    Art. 35 (Misure urgenti per l'individuazione e la realizzazione di impianti di recupero di energia, dai rifiuti urbani e speciali, costituenti infrastrutture strategiche di preminente interesse nazionale)

    1. Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, individua, con proprio decreto, gli impianti di recupero di energia e di smaltimento dei rifiuti urbani e speciali, esistenti o da realizzare per attuare un sistema integrato e moderno di gestione di tali rifiuti atto a conseguire la sicurezza nazionale nell'autosufficienza e superare le procedure di infrazione per mancata attuazione delle norme europee di settore. Tali impianti, individuati con finalita' di progressivo riequilibrio socio economico fra le aree del territorio nazionale concorrono allo sviluppo della raccolta differenziata e al riciclaggio mentre deprimono il fabbisogno di discariche. Tali impianti di termotrattamento costituiscono infrastrutture e insediamenti strategici di preminente interesse nazionale ai fini della tutela della salute e dell'ambiente
     

    Luoghi: 
  5. Modena rinuncia ad ampliare l'inceneritore

    Inceneritore: Hera rinuncia alla terza linea

    Era autorizzata, ma la multiutility ha deciso di non procedere al potenziamento Finisce una polemica durata anni, vincono i comitati. Sabattini: merito nostro

    Luoghi: 
  6. Fusione Iren-A2A. Società unica per gli inceneritori di Torino e Brescia?

    I Sindaci di Torino e Milano convergono sull’idea di fusione tra Iren e A2A.

    “È indubbio che grandi società come A2A e Iren e altre grandi multiutilities dovranno avere sempre di più avere la forza e la capacità di una presenza sul mercato nazionale e internazionale. Ipotesi che abbiano un orizzonte industriale più ampio devono essere approfondite senza tabù e senza pregiudizi”.

    Luoghi: 
  7. Inceneritore Parma, segnalati rifiuti da fuori provincia. Polizia controlla l’ingresso

    Da giorni agenti municipali e provinciali effettuano controlli per accertare che nel camino di Ugozzolo non vengano bruciati materiali di provenienti dal di fuori del territorio parmense. Il tutto dopo le segnalazioni della stampa locale.

    Luoghi: 
  8. Cemento e ceneri degli inceneritori: un mix pericoloso

    La situazione diventa sempre piu insostenibile.

    Basta utilizzare i rifiuti come risorsa energetica nella produzione di manufatti dell'edilizia.

    Basta utilizzare le ceneri e le scorie dell'incenerimento nei manufatti per l'edilizia.

    Luoghi: 
  9. Inceneritore Parma: Comune chiede 1 milione a Iren. Il caso al Tar

    Inceneritore: Comune chiede 1 milione a Iren. Il caso al Tar

    Il Comune di Parma ha chiesto ad Iren Ambiente di pagare poco più di un milione di euro a titolo di contributo di costruzione per la realizzazione del Polo dei rifiuti di Ugozzolo, dove è stato costruito anche l’inceneritore. Iren rifiuta e si accende l’ennesima diatriba legale fra Piazza Garibaldi e quella che è stata la sua società di servizi.

    Luoghi: 
  10. Altro guasto a Brescia

    Altra fumata per Brescia.

    Sempre tutto regolare ma il campionamento a camino non ha funzionato proprio durante il guasto , un caso?

    Luoghi: 

Pagine

Abbonamento a Contenuti riguardanti "Italia"