Cancellazione della discarica d'amianto a Borgomanero e della discarica di scorie di fonderia a Romagnano

Chi la dura la vince!

Le cancellazioni dei due progetti, il primo della discarica d'amianto a Borgomanero, il secondo della discarica di scorie di fonderia a Romagnano, segnano due grandi vittorie dei cittadini di Borgomanero e Romagnano, che per anni si sono opposti a questi scempi ambientali.

Il progetto della discarica di Borgomanero è stato ritirato dalla ditta proponente a seguito delle firme di 1.500 cittadini e della delibera del Consiglio Comunale, contraria all'opera.

Borgomanero, non ci sarà la discarica di amianto alla Cumiona

27-02-2013

La ditta che aveva richiesto la concessione ha comunicato la rinuncia al progetto

BORGOMANERO – Non ci sarà la tanto discussa discarica di amianto alla Cumiona, località sulla collina a Nord di Borgomanero. La ditta che aveva richiesto la concessione per la installazione dell’impianto ha infatti deciso di rinunciare al progetto. Ad annunciarlo stamattina è il Comune di Borgomanero con un comunicato stampa: “la ditta ha comunicato la rinuncia alla realizzazione, nell’area ex mineraria, dell’impianto” si legge sul documento.Contro l’ipotesi c’era stata una levata di scudi negli scorsi mesi nella città agognina, con la raccolta di firme da parte dei cittadini e di diverse associazioni, fino al documento del Consiglio Comunale che aveva bocciato il progetto con voto unanime. Soddisfatto il sindaco di Borgomanero, Anna Tinivella che ha sottolineato come “l’impegno e la determinazione dell’Amministrazione Comunale nel perseguire la salvaguardia della zona della Cumiona abbia portato a questo risultato “.

Il progetto della tangenziale di Romagnano, con sottofondo di scorie di fonderia, è stato bocciato dalla Conferenza dei Servizi della Provincia di Novara, anche in questo caso  a seguito dell' opposizione dei cittadini e delle loro 1.600 firme contrarie a questo progetto. La tangenziale dovrebbe essere realizzata con un sottofondo diverso.

Queste due vittorie incoraggiano l' iniziativa dei cittadini a difesa dei loro territori anche contro il progetto delle trivellazioni petrolifere di Carpignano e di altri Comuni della provincia di Novara. Le 6.000 firme di cittadini contrari alle trivellazioni sono state consegnate alcuni mesi fa alla Regione Piemonte, la quale però latita nel decidere sull' autorizzazione alle prospezioni petrolifere.