Legge che introduce il vuoto a rendere ma solo in via sperimentale e per 12 mesi e solo per chi vuole

Cosa prevede l’art. 25?  Il testo dispone che al fine di prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio e di favorire il riutilizzo degli imballaggi usati, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione è introdotto in via sperimentale e su base volontaria, il sistema del vuoto a rendere su cauzione per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico da alberghi e residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo.

 

L’articolo specifica inoltre che la sperimentazione avrà una durata di dodici mesi e che entro 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si dovrà stilare un regolamento per la sperimentazione. Cosa dovrà prevedere il regolamento, che in sostanza sarà l’elemento dirimente sul vuoto a rendere? Il regolamento determinerà innanzitutto  i valori cauzionali per ogni singola tipologia di imballaggi prevedendo che al termine della fase sperimentale, sentite le categorie interessate, si valuteranno gli esiti di tale sperimentazione estendendo il sistema del vuoto a rendere anche ad altri tipi d`imballaggio, di prodotto nonché ad altre tipologie di consumo.

 

Come già detto, la Federazione Italgrob, si è fatta carico, nelle sedi appropriate, di sostenere e tutelare gli interessi dei distributori italiani, mantenendo al contempo un ruolo centrale in tale contesto legislativo. Uno degli emendamenti presentati, con il sostegno dell’onorevole Vignaroli e del senatore Vaccari, specifica e propone che tutti i soggetti coinvolti nella filiera del vuoto a rendere, e cioè i produttori, i distributori ed i punti di consumo possano attraverso un accordo volontario decidere di aderire alla fase sperimentale, ciò in considerazione del fatto che un dispositivo legislativo sul vuoto a rendere nell’Horeca deve essere attuato  necessariamente attraverso un accordo di filiera, nella quale il distributore potrà avere un ruolo decisivo per l’applicazione della legge e i benefit che prevede. Il singolo esercente difatti, senza il necessario accordo con i produttori e i distributori, non potrebbe in alcun modo decidere di sperimentare il vuoto a rendere.

 

Tipo di contenuto descrittivo: 
Luoghi: