Esposto alla Corte dei Conti per il mancato raggiungimento del 65% di differenziata nel torinese

Il 12 marzo 2014 è stato presentato un esposto alla Procura Regionale della Corte dei Conti ipotizzando un danno erariale a causa del mancato raggiungimento della quota del 65% di raccolta differenziata prevista per legge (D.Lgs 152/2006) entro il 2012.

Si tratta in altre parole di chiedere i danni economici ai politici che si sono resi responsabili di questa grave inadempienza, che ha comportato maggiori spese per le amministrazioni e quindi per i cittadini.

Simili richieste di danni sono già state presentate con successo contro i politici di vari Comuni italiani, come Recco e Imperia in Liguria, Colleferro nel Lazio ecc. A Recco la Corte ha condannato i politici inadempienti a ben 1,2 milioni di euro.

Tipo di avvenimento: